CO.FA.AS. “Clelia”

Coordinamento Familiari Assistenti “Clelia” Onlus

CO.FA.AS. “Clelia” Onlus è un’Associazione di familiari che assistono con ammirevole dedizione il congiunto malato cronico  e/o  disabile  non autosufficiente per numerosi anni se non per tutta la loro vita.

 

Il familiare Assistente, è una persona non professionista che aiuta in via principale e continua un congiunto dipendente negli atti della vita quotidiana.

 

CO.FA.AS “Clelia” ha come principale scopo di battersi per “Il riconoscimento giuridico del ruolo del Familiare Assistente“, come definito dalla “Carta Europea del Familiare Assistente” (parte integrante dello Statuto), già in atto in molti Paesi europei, redatta da COFACE-handicap (Confederazione delle Organizzazione di Famiglie con persone disabili dell’Unione Europea) con sede a Bruxelles.

 

Nel 2008, CO.FA.AS. "Clelia" si costituisce come associazione, come avveniva in altri Stati Membri, con l'obiettivo di rivendicare i diritti dei familiari assistenti, di prevenirne la povertà, l'esclusione, la solitudine e lo stress, nonché di migliorare la qualità della vita del congiunto assistito e di tutta la famiglia. [continua]

 

 

[Scarica lo Statuto]

 

[Progetto Europeo Grundtvig]

Chi sono i familiari assistenti?

 

Siamo  noi, voi ed io ...

Ieri, Oggi o Domani

 

I familiari assistenti non sono degli operatori, delle badanti e nemmeno dei volontari…

 

In tutta Europa per l’83% sono donne.

 

Eppure essi  aiutano e curano… in silenzio.

 

E tutto  questo lavoro non è riconosciuto.

 

I familiari assistenti non sono purtroppo inusabili  e indistruttibili… Ma spesso sono stanchi, malati, la loro speranza di vita ridotta...

Spesso non hanno orario, si prendono cura del congiunto senza tregua: lavori domestici, cure, sostegno morale, psicologico, sociale…  e tutto per  dare al congiunto e alla famiglia una migliore qualità di vita.

 

Cosa chiedono i familiari assistenti?

 

Una risposta sociale adeguata:

• che comunque non ridurrà l’implicazione  familiare;

• che costituisca un elemento  di aiuto concreto  ai familiari assistenti;

• che venga a sostenere una visione positiva del familiare assistente.

 

Esigiamo ora per il familiare assistente quello che  noi vorremmo per noi stessi nella stessa situazione … la maggior parte di noi avremmo presto o tardi  a vivere la  stessa problematica…

(Questo è quanto ha detto il filosofo: Jean Nöel Ringuet)