NEWS

Nota di Co.Fa.As."Clelia" alle proposte di legge della Regione Lazio "Norme per il riconoscimento , la valorizzazione ed il sostegno del Caregiver Familiare N 230 e 251

          

            Nota di Co.Fa.As. “Clelia” alle proposte di legge regionale N.230 e   N.251  “Norme per il riconoscimento, la valorizzazione ed il sostegno  del caregiver familiare/ Familiare Assistente”, inviata ai consiglieri  promotori  delle citate  proposte di legge della regione Lazio.

 

Per Co.Fa.As.”Clelia” i seguenti  punti sono  irrinunciabili se si vuole dare ai caregiver familiari/Familiari assistenti il giusto  riconoscimento del diuturno e spesso misconosciuto lavoro di cura  espletato per  anni in favore dei congiunti con disabilità :

 

  1. per  familiare assistente/caregiver familiare  si intende un membro della famiglia,  che si prende cura in via principale, in parte o totalmente, di un congiunto non autosufficiente convivente h24, nello svolgimento degli atti della vita quotidiana per un tempo indeterminato e spesso per tutta la vita.

La convivenza è essenziale  per non creare discriminazioni fra le varie “categorie” della disabilità ed evitare che i Familiari assistenti che si prendono cura di un congiunto h24  siano penalizzati.

Sull’esempio di numerosi altri Paesi europei sarebbe importante differenziare il familiare caregiver che si prende cura di un familiare con disabilità in base alla gravità e alla patologia del congiunto assistito.

      2. il sollievo” deve essere considerato come  un  diritto irrinunciabile del Familiare

              assistente /caregiver familiare, espressione di un bisogno fondamentale

  1. E’necessario prevedere la verifica periodica della qualità dell’assistenza effettuata da una figura dei Servizi territoriali (Sanitari/Sociali) tipo assistente sanitario / assistente sociale anche a domicilio

       4. Il sostegno economico sarà  erogato secondo la gradualità dell’impegno  di cura di cui  il familiare  disabile necessita certificato dai servizi sociali/sanitari territoriali.

  1. La possibilità del Familiare assistente di accompagnare il familiare  con disabilità non collaborante in caso di accesso al P.S. e/o di ricovero ospedaliero, particolarmente se trattasi di “non collaborante”.
  2. Occorre fare riferimentoa) alla Convenzione dell’O.N.U.dei diritti delle persone con disabilità lettera x che così recita: “Convinti che la famiglia , è il naturale  e fondamentale  nucleo della società  e merita la protezione  da parte  della società e dello Stato, e che le persone  con disabilità  ed i membri delle loro famiglie dovrebbero ricevere la necessaria protezione  ed assistenza  per permettere  alle famiglie di contribuire al pieno ed uguale godimento dei diritti delle persone con disabilità” 
  3. b)ai 10 punti della Carta Europea del Familiare Assistente/Caregiver Familiare che si prende cura di un congiunto non autosufficiente redatta dalla Confederazione  delle Organizzazioni di famiglie con persone con disabilità dell’Unione europea (Bruxelles) recepita da molti Paesi europei.

       8. Il Caregiver familiare, deve avere la possibilità di avvalersi di un monitoraggio salute (screening) annuale a carico del Servizio Sanitario Nazionale. Infatti  l’attività di cura deve essere 

          considerata come un lavoro usurante. Il premio Nobel 2009 per la Medicina  Elisabeth Helen Blackburn, rilevava come l’aspettativa  di vita per i Caregiver Familiari/Familiari Assistenti possa ridursi, in

          conseguenza del lavoro usurante,  anche di ben 17 anni . Per questo motivo la figura del familiare assistente/caregiver familiare deve essere valorizzata, ma anche  sostenuta .e supportata tenendo             conto del peso assistenziale.

                                                                                                       

Red. Anna Maria Comito

Presidente Co.Fa.As.”Clelia”

 

 

          

06/3213976 - 06/3219827

Per supporto e/o consulenza

cofaas.clelia@alice.it

Scrivici alla nostra mail dedicata

Vieni a trovarci nella nostra sede

Via Francesco de Sanctis, 15 - 00195 ROMA
CO.FA.AS.”CLELIA” - Coordinamento Familiari Assistenti “Clelia” Onlus. Sede: Via Francesco de Sanctis, 15 - 00195 ROMA. C.F.97502900588